inquinamento mare per bambini


Di conseguenza dai 4 ai 12 milioni di tonnellate di plastica finiscono nei mari di tutto il mondo ogni anno, causando l’80% dell’inquinamento marino. Con questo il quiz sull’inquinamento proviamo a vedere quanto ne sai sull’argomento. L’inquinamento dell’aria è un problema di importanza mondiale, in particolare le zone maggiormente interessante sono l’Europa, l’America e i paesi industrializzati. Se il riscaldamento globale ha raggiunto livelli record nell’ultimo anno, come si spiega il freddo e gli eventi metereologici estremi di questi... La natura offra soluzioni sorprendenti per generare benefici sia livello di impatto ambientale sia per la nostra salute. Per liberare il mare da queste pellicole devono intervenire dei microrganismi, che però possono agire solo in determinate condizioni di concentrazione e di temperatura. 12 gennaio 2021 Condividi Giornata Mondiale del Suolo: il 5 dicembre si celebra la Madre Terra! Favole e fiabe su tutti gli argomenti per grandi e piccoli lettori. L’utilizzo dell’acqua del mare e lo sfruttamento delle sue risorse possono comportare seri danni se non avvengono seguendo modalità che ne garantiscono un uso sostenibile. L’Italia è terza nella classifica, dopo la Turchia e la Spagna, per l’abbandono dei rifiuti di plastica che inquinano il mare. Integra le lezioni in classe con quelle che Eniscuola ha realizzato per te con docenti e studenti di scuole italiane. L’approvazione della legge che ha imposto il pagamento per l’utilizzo di shopper biodegradabili e compostabili dal 1° Gennaio 2018, secondo le indicazioni della direttiva 2015/720 dell’Unione Europea, è solo un primo passo verso la riduzione dell’uso di plastica da imballaggio. ANTER Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili Per promuovere e tutelare le energie rinnovabili in Italia. Numeri impressionanti di un fenomeno che non è circoscritto alle cinque “isole di plastica” in continuo accrescimento negli Oceani ma tocca anche il nostro Mar Mediterraneo. Abbiamo ancora tempo per invertire la rotta? Le cause dell’inquinamento del mare. dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 17:00. Una classe virtuale tematica, ragazzi delle superiori collegati da diverse parti del mondo per 15 corsi sul mondo dell’energia, organizzate da docenti del Mit di Boston e esperti di fama mondiale. Purtroppo una recente risoluzione dell’Enviromental Assembly delle Nazioni Unite dedicata al tema è stata rimandata al mittente da parte di Stati Uniti, Cina ed India, i maggiori produttori mondiali di rifiuti plastici. Con i problemi che conosciamo: Per gli studenti c'è eniscuola. Le acque reflue, per esempio, vanno depurate e trattate prima di essere riversate nei fiumi o nei mari. Come dimostrato da diversi esperti, questi frammenti, che possono raggiungere dimensioni microscopiche inferiori ai 5 mm di diametro, costituiscono una fra le principali cause di morte per soffocamento di molti pesci ed uccelli marini poiché vengono scambiati per cibo. Bambini, immaginate di essere il mare... Ambiente e natura - Agenda 2030 , Linguaggi ed esperienze 0-6 , La conoscenza del mondo - oggetti, fenomeni, viventi Il 22 marzo è la Giornata mondiale dell'acqua. – Ridurre: optare per prodotti con meno imballaggi, borse in stoffa, batterie ricaricabili…, – Riusare: scegliere il vuoto a rendere, il vetro al posto della plastica…, – Riciclare: selezionare i rifiuti, adottare la raccolta differenziata…, – Recuperare: produrre oggetti diversi dalla loro funzione originale, inventare nuovi utilizzi…. Progetti come The Ocean Cleanup messo in acqua dal giovanissimo Boyan Slat, #RethinkPlastic del network Plastic Oceans, oppure attività di sensibilizzazione promosse da organizzazioni internazionali come Greenpeace da sole non bastano, perché incidono sugli effetti e non sulle cause del fenomeno. Inquinamento atmosferico: quali effetti sulla salute? Il Mare … Negli ultimi anni abbiamo scoperto le bioplastiche, a minore impatto ambientale, create dalla trasformazione dei polimeri derivati dal mais ed altre specie vegetali. Musica, arte e riciclo per bambini, così Kristal combatte contro inquinamento e razzismo di Giacomo Talignani Tutti ormai abusano dei detersivi… anche i bambini!” gli rispose Germana. E ancora adesso è trattato come tale da turisti estivi poco educati, che a bordo di barche a vela o a motore buttano in mare tutti i residui di cucina o di altro tipo. L’inquinamento è causato dall’immissione di sostanze chimiche nocive nelle acque, dolci e salate. Secondo le stime più affidabili, nel 2050 avremo prodotto più di 25.000 milioni di tonnellate di rifiuti plastici, di cui la maggior parte di provenienza domestica. \ Oggi, le principali cause di inquinamento dei mari e degli oceani possono essere: Informa i più giovani su energia e ambiente, scienza, chimica, cultura e lingua inglese, con immagini, interviste e video a supporto. Oggi, le principali cause di inquinamento dei mari e degli oceani possono essere: La biotecnologia può essere definita l’applicazione della microbiologia, dell'ingegneria genetica e della biochimica al trattamento di materiali con microrganismi, cellule…. Le cause dell’inquinamento idrico sono, purtroppo, molteplici. Tel: +39 0574 34805 Fax +39 0574 028311 Come Ridurre l'Inquinamento Idrico. Per rispondere a queste domande, capiamo bene lo scenario. Ripulendo i fiumi, ad esempio, che sono tra le principali fonti di rilascio di materiali plastici nelle acque salate di mari ed oceani. Si tratta di rispondere a delle domande, che prevedono delle opzioni di risposta. Sul suolo si scaricano tre cause di inquinamento. Possiamo contribuire a ridurre la quantità di plastica che finisce in mare. "Eniscuola Energy and Environment" is a project run by eni to promote awareness of energy and environmental issues amongst students. Bottiglie, imballaggi, reti da pesca, sacchetti, fazzoletti, mozziconi e qualunque altro oggetto in plastica una volta finito in acqua si spezza in frammenti più piccoli per azione dell’erosione e delle correnti. Il resto è prodotto direttamente dalle navi che solcano i mari, soprattutto pescherecci ma anche navi mercantili ed imbarcazioni turistiche di tutte le stazze. Solo una piccola parte verrà riciclata o incenerita. Un’ampia letteratura scientifica mette in luce la maggiore vulnerabilità dei bambini all’inquinamento dell’aria, outdoor e indoor, rispetto agli adulti. 2) è fonte di inquinamento per un suo cattivo smaltimento. In media si rilevano 18 μg/m³ al Nord, 16 μg/m³ al Centro e 13 μg/m³ al Sud. Alcuni usi civili dell’acqua, infatti, possono contribuire all’inquinamento idrico. E’ logico quindi che, se non bruciata o riciclata correttamente, finisca nell’ambiente favorendo l’alterazione di ecosistemi troppo delicati. Dalla Fossa delle Marianne ai poli, residui di plastica sono stati trovati praticamente ovunque nei mari e negli oceani. L'acqua è una delle risorse più importanti al mondo e ognuno di noi può fare la propria parte per impedire che venga inquinata. Tutto il resto si è accumulato come scarto a terra e in acqua. Con la scoperta del nylon nel 1935 l’utilizzo di fibre sintetiche esplode e si diffonde in tutti i settori industriali soprattutto per la produzione di beni di largo consumo. Siamo partner del progetto Necst, il Programma dell’Unione Europea che collega le scuole di Croazia, Olanda, Norvegia e Italia nella realizzazione di una piattaforma digitale di ricerca e scambio di conoscenze sulla produzione energetica. Studiare la fisica, biologia, scienza della terra e chimica non è mai stato così stimolante! Una volta in mare, però, i rifiuti possono anche tornare sulla terraferma sospinti dal movimento delle onde, e inquinare così spiagge e altre zone costiere. La favola racconta la storia dei variopinti pesci di Acquachiara, che un giorno ricevono la sgradita visita di rifiuti e scorie gettati in mare dalla famiglia Lupetti. L’utilizzo dell’acqua del mare e lo sfruttamento delle sue risorse possono comportare seri danni se non avvengono seguendo modalità che ne garantiscono un uso sostenibile. Oltre 8.300 milioni di tonnellate prodotte in 65 anni hanno reso la plastica uno dei simboli industriali, con cemento ed acciaio, dell’era dell’”Antropocene”, in sostanza l’epoca geologica in cui viviamo in questo momento. In the Italian version, the website also offers digital lessons on Art, Science and English language, produced in collaboration with Italian high schools (eniscuola culture and eniscuola in the classroom). La strada è quindi tutta in salita perché, a fianco delle necessarie esigenze di salvaguardia e mantenimento della vita degli oceani, si accompagnano interessi economici ed industriali che non vedono di buon occhio controlli più stringenti ed efficaci. Inquinamento del suolo. E per i vincitori la realizzazione di cortometraggi animati! Guarda le lezioni di fisica, biologia, scienza della terra e chimica, in modalità CLIL, nate dalla sinergia di Eniscuola con studenti e docenti di scuole italiane. Eniscuola è presente sul territorio con progetti nazionali ed internazionali di formazione a tema energetico-ambientale dedicati alle scuole. Quanto inquina? In molti casi, purtroppo fin dall’antichità, il mare è stato erroneamente considerato come un’enorme discarica in cui buttare senza alcuna esitazione rifiuti e sporcizia di vario genere. Se 17 milioni di tonnellate di plastica sono state trovate perfino nelle remote e sperdute isole Pitcairn, in pieno Oceano Pacifico è evidente che il contrasto all’avvelenamento dei mari causato da questa “zuppa plastica globale” non può essere demandato solo all’azione dei singoli. Fertilizzanti, pesticidi, acidi e basi forti, coloranti e catrame sono alcuni esempi di sostanze estremamente nocive che inquinano le acque. Un corso online, da utilizzare da soli o in classe, ad integrazione del curricolo o per il recupero dei debiti. La plastica si conferma il materiale più trovato (84% degli oggetti rinvenuti), seguita da vetro/ceramica (4,4%), metallo (4%), carta e cartone (3%). Siamo arrivati ad un punto di non ritorno? L'inquinamento del mare è una cosa bruttissima per la salute del nostro pianeta. Quali conseguenze per i bambini? Via Traversa Pistoiese, 83 59100 Prato Qualunque tentativo di renderci indipendenti dall’utilizzo di plastiche sembra portare a conseguenze inaspettate. Diversi bambini, tra i 7 e i 14 anni, stavano trascorrendo una giornata al mare, erano tutti ospiti di una colonia estiva; 40 di questi piccoli vacanzieri hanno accusato un serio malore dopo il bagno in mare: febbre alta, irritazione cutanea più o meno estesa, vomito e diarrea sono stati i sintomi gravi e allarmanti manifestati dai bimbi. In Italia, invece, è stata approvata la legge 452 bis del 22 Maggio 2015, che prevede l’entrata in vigore del reato d’inquinamento ambientale con reclusione dai 2 ai 5 anni per chiunque contamini le acque e l’aria delle nostre città. Si tratta,quindi, di una problematica che interessa principalmente le zone urbane, in cui vi sono molte persone e molte attività inquinanti, che però ha conseguenze devastanti in tutto il mondo. Infatti, ben il 98% dei bambini con meno di 5 anni è esposto allo smog e vive in aree in cui le concentrazioni di particolato (PM2.5) sono al di sopra dei livelli di sicurezza per la salute (ovvero 10 μg/m³). Video, articoli, infografiche, insomma diversi materiali per approfondire l'argomento in classe Oceani da salvare, come si formano le isole di plastica - video Sky Inquinamento da plastica in mare: cause, conseguenze e soluzioni - articolo Anter Italia Purtroppo in questi anni di crescente domanda, solo il 20% della plastica prodotta è stato riciclato o incenerito. Impronta idrica, disponibilità e usi a livello planetario... Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate alla produzione di energia generata dalla combustione del petrolio. Rafforza il tuo inglese con Smartenglish! Diversi studi hanno evidenziato che i più piccoli sottoposti ad agenti inquinanti hanno maggiori probabilità non solo di andare incontro ad allergie e disturbi respiratori come l’asma, ma anche di ammalarsi di malattie più severe come i tumori. 91026310473 - P.IVA 01680940473, Sede Legale e operativa: Esso viene rilasciato in molti modi : - Pulitura delle cisterne delle petroliere in alto mare 1. sono vuote durante il viaggio di ritorno verso i giacimenti per acquisire un nuovo carico. Possiamo andare in spiaggia a caccia di plastica. Ma questa enorme produzione ha il suo rovescio della medaglia. La scelta dipende solo da noi. L’indagine Beach Litter di Legambiente, che monitora la quantità di rifiuti sulle spiagge italiane, racconta di una media di 670 rifiuti ogni 100 metri. Nel nostro piccolo, se vogliamo difendere la salute dei mari e preservarne le forme di vita, la prima cosa da fare è cambiare le nostre abitudini di acquisto. Abbiamo ancora tempo per invertire la rotta? Agisci per l’ambiente di oggi e di domani, con la tessera anter. Perché plastica, petrolio e metano vanno a braccetto. Privacy policy. Una crescita costante favorita dall’aumento esponenziale dell’estrazione di idrocarburi, dallo sviluppo tecnologico e dalla conseguente riduzione dei costi di trasformazione. Uno storyboard ricco di testi e disegni per raccontare in modo originale il proprio Paese: spazio alla fantasia dei bambini di tutto il mondo nell’edizione del 2014. Dal punto di vista ambientale l’inquinamento svolge un ruolo fondamentale per quello che riguarda grandi problemi che l’umanità deve affrontare. Risultati della ricerca per tag: inquinamento. La plastica è infatti il prodotto sintetico a più lunga conservazione, si degrada completamente solo in centinaia di anni. Gallery, natura da salvare e inquinamento da combattere nei disegni dei focusini . È un discorso delicato ma importantissimo per far capire la problematica agli adulti di domani Il petrolio risulta però la principale fonte d’inquinamento. Un autunno caldo e un inverno quasi tiepido, temperature sopra la media, il cielo senza nuvole e nessuna traccia di pioggia: in queste condizioni meteorologiche lo smog cresce e si moltiplica.Non è solo colpa del clima: le emissioni dei tubi di scappamento delle auto e quelle degli impianti di riscaldamento pubblici e domestici (cioè delle case) non aiutano certo a “pulire” l’aria. Un'iniziativa di eni che informa in modo attuale sui temi dell'energia e dell'ambiente, coinvolge le classi nella creazione di lezioni digitali sull'arte, materie scientifiche e per l'apprendimento delle lingue. Progetti che coinvolgono studenti di tutto il mondo, di diverse età, che permettono ai ragazzi di apprendere contenuti nuovi e liberare la propria energia, attraverso la partecipazione e il confronto. Con una percentuale molto bassa di umidità, inquinamento e sostanze allergizzanti, l’aria di montagna rappresenta la condizione ideale per i bambini che soffrono di asma e affezioni dell’apparato respiratorio. L'unica nel settore delle energie rinnovabili ad essere dalla parte della domanda e non dell'offerta. Per ridurre l’inquinamento dei mari italiani una soluzione potrebbe essere quella di fermare i rifiuti prima che ci arrivino, quindi partendo dai fiumi. A causa di ciò, 115 specie marine sono a rischio, dai mammiferi agli anfibi. I dati dello studio di Science Advances parlano chiaro: la produzione mondiale di resine e fibre plastiche è cresciuta dai 2 milioni di tonnellate del 1950 ai 380 del 2015. Le cause principali dell’inquinamento dell’ariasono: 1. industrie 2. riscaldamento 3. automobili Questi sono i tre maggiori fattori, poiché vengono emessi gas n… Reti per la coltivazione di mitili, tappi e coperchi, frammenti di rifiuti, mozziconi, bottiglie e contenitori, bastoncini cotonati, stoviglie usa e getta e frammenti di polistirolo: ecco cosa possiamo trovare sulle nostre spiagge. Come possiamo evitare di finire in un mare di plastica? Qual è la situazione attuale? La storia della plastica ha origini lontane, risalenti alla seconda metà del 19° secolo. Oggi parliamo di un libro per bambini scritto dall’autrice indipendente e dalla mamma Olimpia Ruiz di Altamirano.. Olimpia, da circa due anni il tema dell’inquinamento della plastica è su tutte le prime pagine delle testate e dei TG nazionali. L’ingerimento accidentale di plastica scambiata per plancton o meduse è un fenomeno così comune che il 52% delle tartarughe marine ne ha subito gli effetti. Un aiuto per gli studenti, uno strumento di monitoraggio per gli insegnanti. Purtroppo l’elenco delle fonti di inquinamento del mare non finisce qui. 22-mar-2019 - Esplora la bacheca "Inquinamento" di Beatrice Barbaini su Pinterest. E’ entrata a tal punto nella nostra quotidianitàche risulta dif… 9-giu-2020 - Esplora la bacheca "INQUINAMENTO DEL MARE" di Massimo Porri su Pinterest. Notizie, approfondimenti, esperimenti, video, giochi e percorsi didattici sui temi di energia e ambiente per un’informazione completa ed attuale. Orario di apertura: Letteralmente di tutto. Ma se da un lato abbiamo risolto il problema della degradabilità, dall’altro ne abbiamo creati di nuovi come il land grabbing o la conversione di terreni destinati alla produzione alimentare in terreni destinati a scopi puramente “industriali”. ⬇ Scarica Disegno inquinamento per bambini - immagini e vettore vettoriali di stock nella migliore agenzia di fotografia stock precios razonables millones de … Oltre 8.300 milioni di tonnellate prodotte in 65 anni hanno reso la plastica uno dei simboli industriali, con cemento ed acciaio, dell’era dell’”Antropocene”, in sostanza l’epoca geologica in cui viviamo in questo momento. Come ricorda l’UNESCO, il fragile equilibrio della vita marina animale e vegetale è scosso dalla concentrazione sempre più elevata di plastiche di ogni tipo e la catena alimentare sta subendo danni forse irreparabili. Le decisioni prese dai singoli stati e dalla comunità internazionale sono le uniche che possono abbattere drasticamente l’inquinamento dei mari causato dai rifiuti plastici. E’ tuttavia evidente che senza un deciso cambiamento di abitudini d’acquisto, corrette pratiche di riciclo, riduzione, recupero, riutilizzo degli oggetti in plastica, ci troveremo sempre al punto di partenza, in un eterno gioco dell’oca. Visualizza altre idee su inquinamento, educazione ambientale, giorno della terra. L’inquinamento danneggia la salute dell’ambiente, ma anche la nostra. 1) non è un materiale biodegradabile In molti casi, purtroppo fin dall’antichità, il mare è stato erroneamente considerato come un’enorme discarica in cui buttare senza alcuna esitazione rifiuti e sporcizia di vario genere. Ed ora, sotto qualunque formula chimica dal PET al poliestere, è parte della nostra quotidianità. Se giovani esemplari rimangono impigliati nella plastica possono sviluppare danni alla pelle o malformazioni durante la crescita. La più completa raccolta di fiabe che parlano di "inquinamento", tra le migliaia inviate da tutti gli autori di "Ti racconto una fiaba". 29 gennaio 2021 Condividi Buco dell’ozono: che cos’è? Visualizza altre idee su inquinamento, educazione ambientale, libri da colorare. I dati dello studio di Science Advances parlano chiaro: la produzione mondiale di resine e fibre plastiche è cresciuta dai 2 milioni di tonnellate del 1950 ai 380 del 2015. 2. Email: segreteria@anter.info In molti casi, purtroppo fin dall’antichità, il mare è stato erroneamente considerato come un’enorme discarica in cui buttare senza alcuna esitazione rifiuti e sporcizia di vario genere. Il clima montano, infatti, aiuta a liberare le vie aeree (bocca e naso) e ad alleviare i fastidi. Con un obiettivo comune: promuovere la cultura dell’energia e dell’ambiente attraverso percorsi didattici innovativi, valorizzando al contempo il territorio. Se filtrassimo tutte le acque salate del mondo, scopriremmo che ogni chilometro quadrato di esse contiene circa 46.000 micro particelle di plastica in sospensione. Oppure a rilassarci evitando che la plastica ci finisca. E ancora adesso è trattato come tale da turisti estivi poco educati, che a bordo di barche a vela o a motore buttano in mare tutti i residui di cucina o di altro tipo. “Cosa si può fare per ridurre almeno in parte l’inquinamento?” si chiese pensieroso Cip mentre osservava il suo amico Lino che soffriva. Il rischio cresce di gran lunga se a essere esposti sono i bambini. % Da un lato è meritorio l’impegno di privati ed associazioni per ripulire le nostre bellissime spiagge (come il progetto Clean-Up The Med promosso sempre da Legambiente). Guardando poi alla “vita” degli oggetti rinvenuti, il 64% di essi è destinato al packaging: oggetti di brevissima durata nati per servire come usa e getta. Attraverso la favola illustrata de I pesci di Acquachiara, l`unità video spiega quali sono i danni provocati dagli stili di vita sbagliati e dal conseguente mancato rispetto dell`ambiente. Anche immettere in un fiume grandi quantità di acqua calda significa inquinare: infatti, si altera l’equilibrio termino di quel corso d’acqua, mettendo a rischio la vita di pesci, alghe e insetti che lo abitano. Le cause sono molte: le barche che scaricano immondizia, le navi che scaricano petrolio e persino i gas nocivi che producono le automobili , le industrie e il riscaldamento delle case che insieme alla pioggia ricadono nel mare. Ti chiediamo di misurarti su degli esempi concreti, che possono maggiormente mettere in luce la tua consapevolezza sul problema. L’utilizzo dell’acqua del mare e lo sfruttamento delle sue risorse possono comportare seri danni se non avvengono seguendo modalità che ne garantiscono un uso sostenibile. Tuttavia, prima di percepire una reale inversione di tendenza, la strada da percorrere è ancora lunga. C.F. Iniziative che devono essere guidate da principi di salvaguardia e contenimento, per ridurre in primo luogo quella parte maggioritaria di plastica che dalla terra finisce in mare. E allora, come fare per ridurre l’impatto di questi materiali sull’ambiente? E’ entrata a tal punto nella nostra quotidianità che risulta difficile pensare ad un oggetto che non contenga polimeri, anche in minima parte. Il Petrolio. Rifiuti che per i 4/5 entrano in mare sospinti dal vento o trascinati dagli scarichi urbani e dai fiumi. In questo modo ti verrà ancora più facile riuscire […] INQUINAMENTO DEL MARE: RICERCA SCUOLA MEDIA. E la scorretta gestione dei rifiuti urbani è responsabile per una quota pari al 50%. L'inquinamento del mare spiegato ai bambini. 14.01.21- 12.45 – Per imparare a non sporcare coi propri rifiuti e a proteggere la bellezza degli oceani e del nostro mare, il Teatro Miela offre, on line sul canale YouTube ufficiale, il nuovo spettacolo “Un mare di Plastica”, disponibile da Domenica 17 gennaio alle ore 17.00 a Domenica 24 gennaio. Il CLIL non sarà più un segreto con “clil in action”! le sostanza inquinanti provenienti da attività umane, scaricate nei fiumi e da questi portati al mare (sostanze organiche, degradabili o meno, provenienti dagli scarichi urbani, prodotti organici di origine agricola come i fitofarmaci e i fertilizzanti, inquinanti degli scarichi industriali); il petrolio rilasciato dalle petroliere o piattaforme petrolifere in seguito a incidenti, o a pratiche non corrette seguite nelle fasi di pulizia dei serbatoi o di scaricamento dell’acqua di zavorra; i prodotti radioattivi: rilasciati durante i test nucleari, ormai sospesi a livello mondiale, e nel corso del ciclo di produzione del combustibile atomico; il surriscaldamento delle acque costiere, dovuto alle acque calde provenienti dagli impianti di raffreddamento delle industrie; lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche (si pesca troppo) che comporta l’impoverimento della popolazione dei pesci e in alcuni casi il rischio di estinzione; lo sviluppo urbano incontrollato sulle coste e il turismo di mare, nella sua forma di fenomeno di massa incontrollato; la discarica di scorie nucleari e tossiche; la discarica di contenitori di plastica e altri rifiuti solidi non biodegradabili.

Atti Giudiziari Codice 785 Forum, Ami Brown Malattia, Cesto Di Fiori Per Funerale, Tesina Oss Pdf, Estate Will Significato, Tema Su Come Affrontare La Vita, Feste Popolari Del Medioevo, Assunzione Categorie Protette Enti Pubblici 2020, Algoritmo Lotto Istantaneo, Stipendio Belinelli 2020, Elenco Email Senatori, Modello Decreto Collocamento A Riposo D'ufficio Scuola 2019,