frasi con congiuntivo imperfetto


ho letto una lettera formale che mi ha fatto venire un dubbio sull’uso del congiuntivo, riporto qui sotto l’ossatura della frase, omettendo solo ciò che non ne altera in alcun modo la struttura grammaticale: “Il sottoscritto (…) CHIEDE che il proprio appartamento (…) fosse assegnato direttamente al cugino Tal dei Tali”. O “se c’eri tu avreste vinto?” Dopo il “se” si può usare l’imperfetto o è corretto solo il condizionale? Un saluto Prof. Anna, 1)lo farei, nel eventualità che tu mi dicessi tutta la verità. Grazie, Caro Niccolo, le frasi corrette sono: “vorrei tanto risvegliarmi e scoprire che tutto questo era-è stato solo un incubo”; “non è giusto che un giorno renderai migliore la vita di qualcuno che non ti apprezzerà e meriterà mai quanto me”. Completare le frasi con una delle forme verbali del verbo . Quale tra queste due frasi è corretta : avrei voluto che tu venissi con me; oppure: avrei voluto che fossi venuto con me. E’ come se prima di affrontare un esame , andassi dal professore e gli rispondessi male . Caro Matteo, la frase introdotta da “che” è una relativa che in questo caso si può tranquillamente usare il presente indicativo: “se facessi qualcosa che ti fa arrabbiare”. Se possibile mi interesserebbe avere anche una breve spiegazione sul caso in modo da non sbagliare in futuro. Un saluto Grazie! Il modo congiuntivo: Il congiuntivo (in francese, le subjonctif) è un modo verbale usato per esprime dubbi, desideri e azioni incerte non ancora realizzate nel momento in cui ci si esprime. Il congiuntivo imperfetto è proprio dell’italiano centromeridionale e, al di là di questo, ha un sifìgnificato leggermente diverso dal conguntivo presente. Dovunque andasse si divertiva. A presto E' vero che i vostri amici sono molto allegri. Un saluto e a presto Due amici si vedon di sera tarda ed uno è sorpreso di vedere l’altro in un certo luogo e lo esterna, suscitando nell’altro la risposta: Un saluto Caro Matteo, le frasi introdotte da “che” in questo caso sono oggettive. In particolare, quando la frase reggente ha il condizionale presente, "la dipendente ha un congiuntivo imperfetto per azione contemporanea o posteriore in frasi come vorrei che tu fossi qui; vorrei che tu … Caro Rico, sono corrette entrambe le frasi. Che resti fra noi, mi raccomando! Cara Antonella, il congiuntivo imperfetto “fossero” è corretto dopo “ho pensato che”, “perché” si scrive con l’accento acuto e dopo la virgola ci vuole uno spazio. quale delle due frasi è corretta: Un saluto Gentilmente, come mai dice che ” ci pensassero loro” è corretto? E’ come se vi conosceste da sempre, sono esatti questi periodi per esprimere un rapporto fra una coppia di persone che ne incontra un’altra per la prima volta , ma che va d’accordo e si trova in sintonia immediatamente ? Nelle … prof., Salve ho un dubbio, è un errore grammaticale dire ”non è vero che nessuno avvesse mai trattato quelle tematiche” ? E' necessario che il governo protegga la natura. -sebbene abbia queste caratteristiche, si pensa che Renzo sia un personaggio dinamico. Prof. Ana, Buongiorno… Un saluto e a presto Cara Marzia, il congiuntivo imperfetto nelle frase principale può essere usato per esprimere un desiderio, come nella frase che mi scrivi. Grazie. La ringrazio per la sua puntuale gentilezza. Prof. Anna. frasi con l'imperfetto italiano ≡ difficile ≡ eg-65-2014 TRADUCI LE FRASI DALL'ITALIANO IN INGLESE ANGLICIZZANDO ANCHE GLI EVENTUALI NOMI PROPRI 1) Volevamo andare al cinema ma nostro … O e’ accettabile anche cosi’? Prof Anna è corretto dire: mi ero scordata come ci si sentisse dopo aver guardato un bel film ? Mi affida a lei…Grazie e buona serata. Prof.Anna, BUONA SERA, : Oggi prenderemo in esame il tempo imperfetto del congiuntivo. 4) Pensavo che si sistemasse tutto quando il bambino fosse nato. Cara Camilla, la seconda frase con il congiuntivo imperfetto è coordinata (coordinazione fra subordinate) a quella che la precede (come se Alberto non fosse capace), ha la stessa funzione logica e quindi necessita del medesimo modo verbale: “ma (è come se) ci provasse lo stesso”. In italiano il congiuntivo può essere usato sia in frasi subordinate che in frasi principali.. IL CONGIUNTIVO IN FRASI SUBORDINATE (quasi sempre introdotto da «CHE» o «SE»). A presto Salve professoressa Anna. Ho appena scoperto questo sito… Buonissimo! Grazie per l’aiuto ! Molte grazie Grazie ancora e buonasera. Sto cercando di capire bene queste regole. ho un dubbio su questa frase : A presto Le scrivo per chiederle se la seguente frase è corretta: “sarebbero passati anni prima che si sarebbero rivisti”. Come mai non c’è nessuno che abbia scritto il nome giusto? Prof. Anna, Buongiorno, Grazie. Se fossi andata a scuola, avrei studiato. Spero possa risolvere tutti i miei dubbi, e grazie ancora! È corretto dire, l’unica persona che speravo si fermasse fossi soltanto tu, Cara Veronica, è corretto dire “L’unica persone che speravo si fermasse eri tu”. Prof. Anna. Un saluto fossero Il congiuntivo presente presenta il desiderio dell’interlocutore come piú probabile rispetto al congiuntivo imperfetto; quindi i primi due periodi che mi scrivi sono corretti. 2) Ho ritenuto che possa essere con un’amica Un saluto Un saluto Prof. Anna. Se la trasformo in: A)Sarebbe meglio che Paolo le CONSENTA maggiore elasticità di orari fosse A presto A presto questa frase è corretta:”Per chi volesse venire in gruppo, o preferisse lezioni private mi contattasse in privato.” ? Prof. Anna “si è avvicinata per vedere cosa ci fosse dietro di lei” va bene? Caro Matteo, in questo caso il valore ipotetico è già espresso dalla frase precedente (se facessi qualcosa), quindi è sufficiente usare l’indicativo. Gli scrivo un messaggio ancora e mi rispondono in un modo molto maleducato che fossero in vacanza. Mi scusi, nel msg precedente intendo tutte le frasi con condizionale seguito da uno che , enon solo nel primo caso come ho scritto. volevo togliermi un dubbio, è corretto dire : Ancora…. A presto grazie, Cara Cinzia, è corretto: “ho sempre pensato che lei fosse una bella persona”. Le chiedo conferma o eventuali correzioni. maritarallo@alice.it, Cara Maria, la frase che mi scrivi è corretta. Un saluto Un saluto A presto Un saluto Il congiuntivo trapassato (che io fossi andato, che io avessi studiato) esprime una possibilita o un desiderio riferiti al passato che non si sono realizzati; Ah, se fossi stato più prudente! Credevamo che partireste, o immagiavamo di trovarvi acora qui, Nel mio commento ci sono parole sbagliate a causa della tastiera che non fa la lettera “n”. b)Sarebbe meglio che Paolo le CONSENTISSE maggiore elasticità di orari. un altro impegno. Cara Neha, è corretto l’uso del condizionale. Nel Medioevo gli uomini … Un saluto Prof. Anna. Gentile professoressa, ho un dubbio, è corretta la frase: “Non si è accorto che la borsa fosse sul divano” o sarebbe preferibile “Non si era accorto che la borsa fosse sul divano”. devo ugualmente usare indicativo? Cara prof. Spesso nel passato mi chiedevo perché in alcuni gruppi,in una discussione o qualsiasi altra evenienza VENIVA O VENISSE,paradossalmente,schiacciato da tutti chi ERA O CHI FOSSE nel giusto. Perdona l’errore. – ieri venne Antonio Completare le frasi con una delle forme verbali del verbo . Prof. Anna, Ho scritto a una persona la frase: “sono contenta che sia arrivato a fare tutto da solo” e questa persona mi ha corretto, dicendomi che avrei dovuto scrivere: “sono contenta che sei arrivato a fare tutto da solo”. Poi certamente è meglio impostare la frase come l’ha scritta lei. Un bacio, Cara Martina, benvenuta su Intercultura blog. buonasera ,la prof mi segnato un errore in questa frase:questi pensieri mi provocano molta tristezza ,perchè ho pensato che fossero la fine di una parte di me (fossero è l’errore)? ), GENITIVO del GERUNDIO + causa / gratia, GENITIVO del GERUNDIVO + causa/ gratia (con C.O. Prof. Anna, mi piace moltissimo questa pagina tante grazie, Cara Carolina, benvenuta su Intercultura blog, se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi. Un saluto Prof. Anna, Salve ho dei dubbi su queste 2 frasi: • avrei voluto (ieri) che tu ieri venissi (cong.imperfetto) ? Grazie mille. A presto intendo dire che la persona è stata smascherata. 1) Il congiuntivo imperfetto si usa dopo i verbi e le espressioni che richiedono il congiuntivo e serve per esprimere un’azione passata che si svolge contemporaneamente con un’altra azione passata descritta nella frase principale: Pietro pensava (imperfetto indicativo), … Grazie in anticipo. “Dove pensi che dovrei essere a quest’ora?” Caro Giorgio, è corretta la frase con il congiuntivo, se usi il congiuntivo imperfetto stai parlando di un’azione avvenuta nel passato. Prof. Anna, Salve prof.Anna gentilmente mi può dire se nella frase è ammesso il congiuntivo : Buongiorno professoressa Anna, Viv, Cara Viv, la tua ipotesi è esatta. A presto Qualle frase è più corretta: Credevamo che foste già partiti, o immagiavamo di trovarvi acora qui. Se sei in difficoltà, clicca su Suggerimento, ma attenzione: perderai alcuni punti! A presto Cara Edith, benvenuta su Intercultura blog! Prof. Anna. Ho già provveduto alla lettura dell’articolo che mi ha consigliato. Prof. Anna. Giorgio, Caro Giorgio, è corretta la prima frase. ( di aver fatto lo stage), Cara Kris, sarebbe meglio usare il condizionale: “lo si potrebbe considerare”. Grazie in anticipo per il chiarimento, un saluto, Caro Marco, è corretto “sia assegnato”. Prof. Anna, dice: E questa frase corretta? Sarei per l’indicativo, dato che esprimo una cosa concreta, però quel più preziosa potrebbe richiedere il congiuntivo? Salve, in questo periodo non ho capito, anche se corretta , la successione dei due congiuntivi imperfetti ( fosse e provasse ) . Un saluto “se sapessi che non stessi male ci andrei” oppure 2) Pensavo che si sarebbe sistemato tutto quando il bambino fosse nato. 0182 93 13 78 info@colombini-snc.it. A presto Caro Gabriele, è più corretto usare il congiuntivo passato. Prof. Anna, Grazie per la lezione..spero ricevere ancora di più per poter ben fare l’esame di lingua italiana, Cara Elvira, in bocca al lupo per l’esame! Perché è giusta l’una o l’altra, di che proposizioni si tratta? Speravo che vincessero i nostri. Cara Veleria, sono entrambe corrette, ma con un diverso rapporto temporale tra reggente e subordinata, nella prima il condizionale passato esprime un rapporto di postriorità con la reggente al passato, mentre nella seconda il congiuntivo imperfetto esprime un rapporto di contemporaneità con la reggente al passato. Quali delle due frasi e giusta?Grazie Io credo più il congiuntivo presente, ma suona benissimo anche l’altro tempo. C’e chi sostiene che la forma corretta sia ‘volevo vedere come l’avresti fatto’, chi sostiene che sia giusta in estrambi i casi. È corretta? OPPURE DOBBIAMO DIRE DAL MOMENTO IN CUI TI HO CONOSCIUTO, Caro Yuchun, è corretta la seconda frase che mi scrivi. Prof. Anna, Salve Prof! Quindi “abbia” voglia sarebbe scorretto? Ero convinta il contrario (-: Cara Carmy, la frase corretta è quella con il congiuntivo. Home; Piscine. Prof. Anna. A presto Grazie in anticipo per la risposta , Cara Katty, la frase che mi scrivi non è del tutto corretta, meglio dire: “se qualcuno vuole andare, deve farglielo prasente”. Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later. Un saluto Prof. Anna, Vorrei sapere se la frase Non vorrei fare la figura dell’ignorante ma non riesco a dare una motivazione abbastanza convincente a “piovesse” nella frase sopra scritta. Un saluto La discussione sulla correttezza della frase ha tenuto banco per diverse ore. più tempo a disposizione per visitare la città. Prof. Anna. Abbiamo soltanto un’altra lezione prima delle vacanze pasquali…”. Se fosse sostituito con un congiuntivo presente o imperfetto? Non vorrei che i libri arrivassero quando gli studenti sono già partiti…”, Caro Giorgio, l’uso del congiuntivo è corretto, ma ti faccio qualche altra correzione: “chiedo scusa se insisto con la mia richiesta. Davvero non ho capito :/ aiutami per favore Col condizionale invece non sottintendi la presenza di una subordinata ed il condizionale svolge il consueto ruolo di posteriorità rispetto al passato. Che ne pensate di questa frase: “Delle volte capitava, quando avevo pensieri felici, che un brivido freddo mi serpeggiava nelle ossa.” E’ errata, forse? Frasi subordinate: - condizionali al congiuntivo imperfetto - causali (dato che/siccome...) - concessive esplicite al congiuntivo (sebbene...) - temporali esplicite che esprimono contemporaneità, posteriorità e anteriorità (uscì prima che tornasse il padre) - implicite con il gerundio semplice (andando alla stazione ho incontrato Sara) -Non c’erano strade che potessero portare in cima. Non si dovrebbe usare solo il congiuntivo imperfetto, in questi casi e perché tanti utilizzano il cong presente? Prof. Anna. Vorrei sapere una cosa professoressa in classe abbiamo studiato che dopo magari e forse usiamo l’infdicativo .. ma in alcuni esercizi ho trovato che dopo magari e forse i verbi sono usati nel congiuntivo imperfetto. Caro Alessandro, è corretto usare il congiuntivo. A presto Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, i dubbi sulla concordanza dei tempi tra reggente e subordinata sono sempre numerosi, oggi vedremo quali tempi verbali usare per esprimere il rapporto di contemporaneità. Scegli il verbo essere o il verbo avere (congiuntivo imperfetto) per completare le frasi. Al contrario, mi pare che ll congiuntivo “imperfetto” (certo nel periodo subordinario) non si limita all’ espressione di continuazione o stato di un’azione…In somma perche’ si dice “imperfetto”? Un saluto Prof. Anna. E’ insomma un errore grave? Vorrei sapere se queste due frasi sono corrette : pensavo che ce l’avrebbe fatta o pensavo che ce la facesse……. “Lo misi alla prova per vedere come si sarebbe comportato”, Caro Matteo, il periodo che mi scrivi è corretto. Ringraziando anticipatamente delle risposta porgo distinti Saluti…, Caro Mwitu, la frase che mi scrivi è corretta ed è un congiuntivo imperfetto. Grazie mille, Cara Mau, sono corrette entrambe le frasi, dopo “sono contenta” è possibile trovare sia l’indicativo sia il congiuntivo, se usi il congiuntivo ti consiglio di specificare la persona “sono contenta che tu sia…” in quanto le tre persone singolari sono uguali e potrebbero esserci fraintendimenti. Quindi, se non ho capito male, la frase, come l’ho posta io, dovrebbe essere: pare che la cosa più preziosa che ci fosse in quella casa fosse un dimanate dell’800. Per rendere il periodo meno pesante, si potrebbe dire: “pensavo che si sarebbe sistemato tutto con la nascita del bambino”. Il congiuntivo imperfetto, usato nelle frasi subordinate, indica: 1. Grazie, Cara Chiara, entrambe le frasi sono corrette, hanno solo un significato un po’ diverso: la forma “stare+gerundio” indica un’azione in svolgimento (in questo caso nel passato). Cara Irina: ” ma proprio non vuoi che io resti con il gusto della vittoria? è corretta la frase: INFORMO SE SI PUO’ DIRE IN ITALIANO, DAL MOMENTO CHE TI HO CONOSCIUTO ? Credo sia errata la prima e corretta la seconda. Prof. Anna. “Qualora avessimo avviato un esperimento all’interno del quale, tra i tanti, uno studente fosse/fosse stato/sia/sia stato/sarebbe stato affiancato da un professionista, che riuscirebbe (corretto?) A presto ” Se chi chiedesse amicizia, si presentasse prima, non avrebbe bisogno di Catene di Sant’Antonio per accusare gli altri di arroganza…”, Caro Roberto, la frase corretta sarebbe: “se chi chiede l’amiciza si presentasse prima, non avrebbe bisogno di…”. Un saluto Caro Valentin, benvenuto su Intercultra blog! Magari ..... bel tempo domani. Cara Adriana, benvenuta su Intercultura blog! B)Sarebbe meglio optare per una soluzione che le CONSENTISSE maggiore elasticità di orari. 1. Prof. Anna. sento chi dice in un modo e chi dice in un altro e vorrei maggiore chiarezza, grazie e buona serata. Non è forse più corretto dire se mi garantisse di fare o se avessi la garanzia che facesse ? Buongiorno professoressa Anna. Prof. Anna. Un saluto cioè “Il verbale della polizia riportava che Tizio avesse le cinture di sicurezza;? Prof. Anna. Prof. Anna. 5)vado al supermercato in modo da comprare tutti i prodotti che mi occorrono per fare questo dolce.6)sono rientrato a casa prima che facesse buio.7)Mario si comporta come se fosse la persona più ricca del mondo 8)mi si comportava come se ci fossimo conosciuti da molto tempo.sono giuste le frasi? Non se ne pentirà (congiuntivo imperfetto). Prof. Anna. vorrei andare a visitare il suo paese. Prof Anna quale delle due frasi è la corretta e perqué: Cara Celstin, benvenuta su Intercultura blog, se hai dubbi o domande non esitare a scrivermi. Prof. Anna. Grazie mille, Prof,qual ? Era strano che mi figlia non mi avessi telefonato,ma poi ho saputo che aveva dimenticato il celulare in treno. E io che speravo che oggi avrei acceso il telefono Grazie! Keep calm and studia il congiuntivo – Raccolta di esercizi e attività sul congiuntivo. Un saluto Sono molto contenta e vorrei svolgere anche altri esercizi. ), che tipo di legame lega le due proposizioni? Nelle frasi 3 e 4 il congiuntivo iperfetto, in dipendenza da un verbo al passato (pensavo), esprime un’azione contemporanea rispetto a quella espressa dalla reggente. Che Dio ti ascolti! – se il verbo della frase principale è all’indicativo passato prossimo: • ho desiderato (ieri) che tu ieri sera venissi → contemporaneità; – se il verbo della principale è all’indicativo imperfetto: • desideravo (ieri) che tu ieri venissi  → contemporaneità; – se il verbo della frase principale è al condizionale presente: • vorrei (oggi) che tu oggi venissi → contemporaneità; • vorrei (oggi) che tu domani venissi → poteriorità; – se il verbo della principale è al condizionale passato: • avrei voluto (ieri) che tu ieri venissi → contemporaneità; • avrei voluto (ieri) che tu oggi venissi → posteriorità. Caro Claudio, i periodi che mi scrivi sono corretti, la punteggiatura però non lo è, è necessario scrivere: “E‘ come se, prima di affrontare un esame, andassi dal professore e gli rispondessi male, mi boccerebbe!”. Non sarebbe più corretto “ci pensino loro “? Saluti Prof Anna, in ogni caso, sia col cong e sia col condizionale, questa frase viene utilizzata per esprimere un fatto compiuto, o dico male? “Aveva promesso un libro a chiunque avrebbe svolto tutti i compiti entro il giorno dopo.”. Simona, Cara Simona, la frase con l’indicativo è corretta. Con evidenziare ci vuole indicatiVo se dico ad es. Prof. Anna. Vediamo insieme tutte le possibilità. Prof. Anna. Molto bello questo programma! Buona giornata Se nella frase principale c'è il passato (indicativo imperfetto o passato prossimo), si usa il congiuntivo imperfetto o il congiuntivo trapassato. 1. Prof. Anna. Grazie e buona serata. I casi più importanti di uso del congiuntivo sono nelle frasi dichiarative (dopo il « CHE »), nelle frasi ipotetiche (dopo il « SE »), e dopo alcuni verbi:. Spero di essere stato chiaro grazie, Caro Gastone, meglio dire: “è come se vi conosceste da sempre”. -Figurati se mi avrebbe fermato il suo parere Grazie Buonasera Prof Anna e grazie sempre x la sua pazienza…Volevo capire come mai, se si dovrebbe usare il cong imprefetto, tanti usano il cong presente con le subordinate rette da frasi con verbi di volontà e desiderio al condizionale. cosa ne dice di questa frase? (È strano che rompesse con la sua ragazza.) Prof. Anna, la frase “…le quali hanno confermato la formazione di complessi che presentassero un asse di simmetria.” può essere considerata corretta? Era improbabile che Giorgio   Mi sembrano entrambe corrette: la prima indica contemporaneità, la seconda posteriorità, ma vorrei avere una Sua conferma. Prof. Anna. è corretto dire …. Prof. Anna. Spero di trovare altri esercizi così interessanti. Un saluto Prof. Anna. Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quali tempi e modi verbali bisogna usare quando la subordinata è anteriore alla reggente? Temevo che tu   Potrebbe spiegarmi di che tipo di proposizioni si trattta? Prof. Anna, alla domanda: perché non ti sei preoccupato di tuo figlio? Caro Doxos, nelle frasi 1 e 2, il primo condizionale passato, in dipendenza da un verbo al passato (pensavo), esprime un’azione posteriore rispetto a quella espressa dalla reggente, anche nella frase introdotta da “quando” il verbo al condizionale passato esprime il futuro del passato, il congiuntivo imperfetto invece dà un senso ipotetico alla frase. ci vorrebbe uno che, avrei bisogno che, preferirei che, sento e leggo che vengono usati indistintamente congiuntivo imprefetto e presente, al di là che un’ipotesi possa essere remota o concreto. Maria Tarallo Silke, Caro Silke, la frase col congiuntivo è corretta. Il congiuntivo si usa con verbi che si riferiscono a voglie, desideri, emozioni, obblighi, dubbi o incertezze. Il tempo imperfetto del congiuntivo si usa per esprimere contemporaneità rispetto al verbo principale, se il verbo della frase principale è all’indicativo passato prossimo o imperfetto, oppure se si ha un verbo che esprime desiderio o volontà al condizionale presente o passato. Unit%10.2%(condizionale*con*il*congiuntivo)%! USO DEL CONGIUNTIVO ITALIANO. Prof. Anna, Mi è piaciuta morto questo sito por lá possibilita di capire i tempi verbal qui. ….ma è normale che volesse prima accertarsi. Spero che tu presto possa visitare il nostro Paese! Prof. Anna. Prof. Anna. Buonasera Prof. Anna: tempo fa parlammo del verbo evidenziare e del verbo risultare e mi è rimasto solo un piccolo dubbio sul verbo risultare: mi disse che andrebbe sempre usato il conguntivo, giusto? Prof. Anna. Si usa il modo condizionale quando l’azione espressa dall’oggettiva è legata a una condizione, a un’ipotesi, anche sottintesa. Sono contentissima!!! Perché è corretto dire “ci pensassero loro”? Cara Monica, nella prima frase sono corretti sia il congiuntivo sia l’indicativo perché le interrogtive indirette possono avere entrambi i modi verbali, il congiuntivo sottolinea il valore dubitativo della frase, nella seconda frase puoi usare l’indicativo. Se … Esercizio: le frasi concessive Distinguere il passato remoto dal congiuntivo imperfetto Esercizio: ripasso del congiuntivo Il congiuntivo e le regole di buona convivenza. Le oggettive esplicite rette da un verbo che esprime opinione (pensare) possono avere il verbo sia al congiuntivo sia all’indicativo, sono quindi corrette entrambe le possibilità. A presto Prof. Anna. Prof. Anna, Prof. Anna mi può scrivere como si forma il congiuntivo, .Speriamo che(loro-prenotare) viaggio stasera. Prof. Anna. Mi posso riposare ora che ho imparato usare congiuntivo nella forma imperfetto. 2- temiamo che non ci sia più niente da fare; Lo apro stesso quando ho bisogno di aiuto. Espressioni idiomatiche con ‘mano’ / Idiomatic expressions with ‘mano ... Congiuntivo imperfetto / Subjunctive in the Imperfect tense Congiuntivo imperfetto ... Frasi spezzate / Broken phrases Futuro semplice 1 / Future simple tense Gianna vuole andare alla spiaggia con noi. quale delle seguenti frasi è corretta? È corretto dire: ” io non mangio nei ristoranti…figurati se mangerei in quei posti” Car Daniela, come dici tu se c’è identità di soggetto si può usare la forma implicita con l’infinito, ma è possibile anche usare la forma esplicita; quindi entrambe le frasi sono corrette. Ritengo che la lezione fosse poco interessante. Grazie, Cara M.Teresa, è corretta la seconda frase che mi scrivi. Sono stanco, andare a casa. Prof. Anna. Prof. Anna, Mi piace approfondire la lingua italiana,quindi vorrei sapere se la frase”ho capito da chi abbia imparato la figlia”è giusta?grazie, Cara Carmelina, in qesto caso il congiuntivo non è necessario, puoi usare l’indicativo: “ho capito da chi ha imparato mia figlia”. *o, nel caso lo siano entrambe e fossero intercambiabili, in cosa consiste la diversa sfumatura di significato. Certo di una sua risposta le porgo i miei più cordiali saluti. 3) Ho ritenuto che avrebbe potuto essere con un’amica, Caro Giorgio, dopo il verbo “ritenere” è necessario il congiuntivo, detto questo poichè stiamo parlando al passato (ho ritenuto) se l’azione espressa dal verbo della subordinata è contemporanea a quella espressa dal verbo della reggente è corretto dire “ho ritenuto che potesse essere con un’amica” se invece l’azione espressa dal verbo della subordinata è posteriore a quella espressa dal verbo della reggente corretto dire “ho ritenuto che avrebbe potuto essere con un’amica”. Ciao, io ho un dubbio: ho incontrato degli esempi di congiuntivo imperfetto dove il verbo della frase principale era in indicativo. oppure 1! tutti d’accordo. grazie per l ‘aiuto, Caro Massimo, l’uso del congiuntivo nella frase che mi scrivi è corretto. Trattandosi di certezze pensavo andasse l’indicativo. avrei voluto che fossi venuto (cong.trapassato) con me- la subordinata esprime contemporaneità o anteriorità, Poi volevo anche chiedere come esprimere bene le frasi tipo: Caro Riccardo, è corretto perché entrambi i verbi dipendono da “se”. “Il libro si rivolge a persone che volessero imparare l’italiano …” Grazie, Caro Giorgio, è corretta la frase con il condizionale passato se l’azione espressa nella subordinata è posteriore rispetto all’azione espressa nella reggente. Un saluto Il verbo all’imperfetto è usato per DESCRIVERE un oggetto o una persona, oppure uno stato di cose, un sentimento, una condizone, ecc. Un saluto A presto Cara Maria Teresa, in frasi principali che hanno il congiuntivo in funzione esortativa è possibile usare sia il congiuntivo presente sia il congiuntivo imperfetto. CONDIZIONALE*PRESENTE*CONILCONGIUNTIVO* IMPERFETTO** Conditional!present!tensewith!theimperfectsubjunctive!! avessi Magari non (piovere) ! Prof. Anna. Buonasera Prof Anna e grazie x le delucidazioni. Comunque credo sia decisamente errata. Prof. Anna, Ė giusta la frase: se sapessi che mio figlio mancasse di rispetto…, Cara Loredana, puoi usare l’indicativo: “se sapessi che mio figlio manca di rispetto”. Oppure dal registro risultava che fossero sposati? Allora rispondo; “ma come potrei sapere che siate in vacanza?” e mi hanno preso in giro.. avesse dagli esami si evidenziava che avevo un osso leso; se ibvece dico avevo evidenziato il fatto che mi avessero incastrato è ok? II p. s. e pl. Un saluto Completare con la forma corretta dell'indicativo, del congiuntivo o dell'infinito, secondo il senso. Se vuoi, prova a riscrivermi. Per ripassare il periodo il periodo ipotetico ti consiglio questi articoli: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/15/il-periodo-ipotetico-della-realta-e-il-periodo-ipotetico-della-possibilita/; https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/29/il-periodo-ipotetico-dellirrealta/. Completa le frasi con i verbi indicati al congiuntivo imperfetto Pensavo che ( fidarsi , voi) di noi e invece abbiamo scoperto che non avete mai credito in noi… che disillusione! 3) Pensavo che si sistemasse tutto quando il bambino sarebbe nato. Frase secondaria: imperfetto congiuntivo; Qualche volta, nella frase secondaria si può usare l'imperfetto congiuntivo anche se la principale è una frase al presente per esprimere un uso tipico dell'imperfetto … .Temiamo che (non esserci) più niente da fare es. Me ne darebbe conferma, gentilmente? Gentile Prof. Anna, mi dice se questa frase è corretta? Prof. Anna, Ho coosciuto oggi questo sito che mi ha aiutato molto. Mi ha aiutato molto. -malgrado la carestia di quell’epoca avesse il sopravvento sulla popolazione, Renzo, abile lavoratore e operaio, non subisce gravi perdite.

Domanda Dimissioni Quota 100, Latina News 24, Malattie Della Pelle Prurito, Tagada All'esperto Chiedo, Cactus Lancia Spine, Arte Culinaria Significato,