pulcino in dialetto milanese


Spiurisna Prurito (Me spiör i man = ho voglia di dartele) Tacà dènt (Ul feuc) Appiccare il fuoco Vegnì Venire, arrivare (Và là ch’el vègn = vai come viene) Beiscc Coi capelli ricciuti dovere e potere .Torna all'inizio pagina Visitatori dal 22 aprile 2004. In gamba Persona di una certa età ancora in buona salute Grizz Poco Sferlu Strappo Con l’aiuto delle Poesie sui giorni della settimana sarà facile, allegro e anche divertente!. Bagaii Ragazzo (Ul mè bagaii = mio figlio) Cumpagn Uguale, come (Cumpagn de lù = come lui) Requie Calma, tranquillità (Làsum requià = lasciami tranquillo) Bragiòmm Piangione dis’ciulàss) che vuol dire “sbrigarsi, svegliarsi”. Vanzà Avanzare Il traduttore da italiano a sardo vi aiuterà a capire la gente locale, a parlare la speciale lingua sarda. Spàss (A spass) A passeggio (Nà a spass = andare a passeggio) Miée Moglie Còttur Arrossamenti lasciati da morsicature di insetti Legnamè Falegname Barlafùs Persona su cui non si può fare affidamento Masigòtt Cosa o persona massiccia, tozza, grossolana Parlà Parlare. Tirà a cà Recuperare, guadagnare Redriz (A redriz) A modo, persona anziana "in gamba" (A so redriz) © 2021. Anche: persona magra, pallida e malaticcia Lasà a cà Licenziare Infesciàss Intrigarsi, impegolarsi (Infèscess mia = non lasciarti coinvolgere) Mezzéna Quarto di lardo Quaderni del Roseto 2 (2019) Il libro contiene quattro poesie in dialetto di Nino De Vita, Fabio Franzin, Davide Ferrari, Franco Loi tradotte in italiano dagli autori, una introduzione di Antonetta Carrabs e una nota critica di Elisabetta Motta, curatrice dell’opera. Scunfundü Confuso (El se scunfundü in del bèn = è andato in crisi mistica) Masneìn Macinino a manovella per il caffè, sale etc. Striett Di bambina vispa e furbetta Quadrelàda Parete divisoria in mattoni Sgumbetà Dare gomitate Regnacaa Malaticcio Petéin Poco (Un petìn = un poco) Gnà Neanche (Gnà m’breusu, gnà m’pelu = nulla, niente di niente) Vie de Eccetto (Teuc vie de me = tutti eccetto me) Fregüi Briciole, rimasugli Burlunà Rotolare Quajòtt Quagliotto (Cumè un quajott = tranquillo, quieto) Nà dènt Entrare Sbròful Brufoli Pangialt Pane fatto con la farina di granoturco Nel dizionario italiano - sardo puoi trovare frasi con traduzioni, esempi, pronuncia e immagini. Canòm Cannone (Canòm de la stüa = tubo di scarico della stufa) Lüstrà Lucidare Sbalanza Altalena Rugnòm Che si lamenta continuamente. Scùa Scopa (Scuà seù = pulire con la scopa) Giàscc Ghiaccio Bareìn Pecora Pacià Mangiare con gusto "ou" = Intrai Interiora, intestini (del pollo) Tuleìnn Pentolino per andare a prendere il latte (Di solito da un litro) Gratiröla Grattuggia per il formaggio, per il granoturco Marmutà Borbottare, lamentarsi Tràs in gir Darsi da fare Pureséin Pulcino (Bagnà cumè un puresein = bagnato come un pulcino) Purtà pajöla Visitare e portare un dono ad una donna che ha partorito Püstèma Pustola, ulcerazione. Anciùa Acciuga D Brancàda Manciata Scioùcch Ciocco di legno Cruscè Uncinetto, lavoro all’uncinetto A prima vista il dialetto completamente incomprensibile, con molte parole ignote e sconosciute diventerà chiaro nel giro di pochi secondi. Ciciareinn Porzione posteriore del pollo, culo del pollo !...che bei ricordi!!!! Trunà Tuonare (El truna in val cülera = si scoreggia allegramente) Tesuria Vento freddo e teso, insistente e fastidioso Ramàda Rete metallica per recinzioni Stagnn Sodo, duro Fuori Milano diventa Desciules. Gratòm Cazzotto (Te dò un gratòm sul mus = ti dò un pugno sul muso) 0. Il problema è di stabilire se sia giusta l'etimologia comunemente accettata - quella che lo stesso signor Trevisan sinteticamente ripropone. Bercelà Piangere sguaiatamente Insèmm Assieme Tapèla Abilità nel parlare (Tapelà = chiaccherare vivacemente) Scirès Ciliegie Insugnàss Sognare Rugnà Lamentarsi, scocciare Fuffa Roba inutile, cianfrusaglie Firòmm Castagne cotte al forno infilate in uno spago (Firòm de la r’cena = spina dorsale) Tamm Asparago selvatico, erba amara rampicante commestibile Patüscia Bavaglia (Patüscèinn = bavaglino) Crapa Testa Ganduléitt Nocciolini dell’uva, anguria etc. Spargiòtt Persona bene in carne Reseghein Seghetto Grammatica milanese - Nicoli Franco - Bramante Editore, 1983. Andànn File di fieno raccolto prima di ammucchiarlo Trà a munt Annullare una partita (a carte) per ricominciarne un’altra R’gichè Giacca Biss Persona che ci vede poco. Anche: andare a dormire (Vò a bütàs giò = vado a dormire) Büséca Trippa (Piatto tipico della cucina brianzola) Fuméri Nuvola di fumo Tö Prendere, comprare (Fas mia tö via = non farti scoprire, non farti capire) Cribiétt Setaccio Dessià Svegliare, svegliato Mèi Miglio (Pan de mei = pane di miglio) Vassél Tino per il vino Unéisc Tipo di albero, forse l’ontano (Crapa de unéisc = testardo, testa dura) Marénn Ciliegie dal sapore aspro Desligà Slacciare, slacciato Gipunéinn Maglia pesante di lana (sotto i vestiti) Tacqüèn Calendario Neet (e aperta) Pulito Pajòmm Sacco pieno di foglie di granoturco (spulott) come materasso Turbisöla Piccola biscia Sot sea Sottobraccio, sotto l’ascella Anche: nebbia (Ghè giò ul luff = c’è la nebbia, non si vede nulla) Bel pari Bel fare (Te ghè un bel pari a... = hai un bel da fare a...) Stecch Stecco, stuzzicadenti La traduzione è veloce e ti fa risparmiare tempo. Benìs Confetto (L’è cumè dach un benis a un àsen = quando fai un favore e l’altro non apprezza) | Q Lizzòmm Lazzarone Raüsciòmm Ravizzone, pianta da cui si estraeva un olio per cucinare Fà giò Versare Pià Morsicare (El pìa = è piccante, è acido) Zù Sole (Si diceva con la z dura, col tempo è diventato "sù" più vicino al milanese) Tegnì a ment Ricordare Mi impegnerò personalmente”. Menò Minore di età (L’é menò de meì = è minore di me) Falanana Dormi, dormire (Ai bambini) Sègia Secchia di legno per le mucche | M Dugià Addocchiare Scüsà Fare a meno (E scüsi senza gelatu = faccio a meno del gelato) Tacà Vicino (El ma tacà ul fregiù = mi ha contagiato) (Tacà insèmm = incollare) (El tàca = è appiccicoso) Liseur Golfino da notte Pantùla Persona troppo buona, quasi stupida Sbianchèn Imbianchino Fröst Usato, vecchio Anche: persona triste, e rabbuiata Zìful Fischio. Capelàda Errore, sbaglio, gaffe Zifuléin Fischietto. Goss Gola, gozzo (L’è un goss = è un ingordo) Cürlétt Cilindro di legno a pioli sul pozzo o per tendere le corde che legavano il carico sul carretto Vegnì in verz Farsi vivo (El vegn minga in verz = non si fa vedere) Gugnéinn Tipo infido, falso, di cui non fidarsi, pieno di moine Gnoch (Gnocco) Pugno, cazzotto Pestelart Asse di legno su cui si batteva il lardo per cucinare Oss de mort Dolci a pasta molto dura, P Lesìva Lisciva, polvere per il bucato (Te see un pastrügn = sei un pasticcione) Sprefundà Mandare a quel paese (Sprefùndes! Leterno lavoro. Caròcia Carrozza Segiunée Colui che riparava i mastelli per il bucato S’giafa Schiaffo Diaulèri Frastuono Spregnacà Persona sofferente, lamentosa (El spregnàca = si lamenta) Cornu bubò Cervo volante Ai Aglio (Fèsa, fesèin o ficèinn d’ai = spicchio d’aglio) (Coo o cuzzeìnn d’ai = bulbo d’aglio) Lessigneù Usignolo Masnà Macinare Spüzzà Puzzare Trà a tocch Fare a pezzi Scagéll Spavento Martelìna Bosso (Pianta) Le 10 parole del dialetto milanese più USATE (con i significati), Cosa possiamo fare con Milano Città Stato, Feedback dei cittadini sulla pubblica amministrazione, LIBRO UFFICIALE: Il Grande Sogno dei Milanesi, Il PORCONAUTA e altri racconti di quarantena, 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano, E ora Milano Città Stato! Cagnòm (In cagnòm) Ris in cagnòm = riso cotto con aglio e salvia Magnàn Persona che riparava i paioli. Pepòcc Scarpacce, scarpe larghe Sgubàs giò Piegare la schiena, inchinarsi Manzoni e Cherubini, Alessandria, Edizioni dell'Orso 2001 Stupà Chiuso, tappato Pola Tacchino (L’è mej un puresin in tera che una pola n’lari = meglio il certo che l’incerto) Repeùgn Rimorso (Ghò ul repeùgn de cuscenza = mi ripugna, non ho il coraggio) Pertic Pertica (Unità di misura) (Semm al camp di cent pertic = siamo da capo, siamo ad un punto morto) VII, p. 462. Fabio, arrivo ora a casa e mi sono fiondata sulla libreria. Petineuse Parte superiore della "scisciè" Ròdich Persona insistente e assillante Dindòla Sfaticato Imbesüì Rincoglionito Sgulàrt Persona leggera e sognatrice Paléen I due affari per infilare le braccia nella gerla (I paleen del gerlu) Matrigiana Una che vuole sottomettere gli altri Tirà a man Riprendere una vecchia discussione Insurnà Seminare Nonostante quello che si pensa è milanese. Büscià Frizzare (E büscett? | O Gavéll Un grosso pezzo (Un gavell de furmacc = un grosso pezzo di formaggio) Cùrt Corte, cortile Patafiàda Discorso lungo e noioso Mendà Rammendare Scrocch Furbo, scalro Ciavà Fottere (Ciavàda = fregatura) (Ciavà soeu = chiudere a chiave) Zupetà Zoppicare Burlòmm Grande quantità (Vegnì giò a burlòmm = arrivare a rotta di collo) Gnànca Neanche Gnara Niente, nessun punto (Quando si gioca) Nà a tùrnu Camminare Bumbàss Cotone idrofilo, bambagia (L’è un bumbass = è buono) Anche: vicino Malcapàs Buono a nulla, superficiale, menefreghista Pirla, stupido. Balutéra Lotteria, sacco dei numeri nella tombola Gett Germoglio Suteròmm Al cimitero seppellisce i morti Curegia Cintura dei pantaloni Incasciàsela Prendersela , incavolarsi (Incascesela mia = non prendertela) Palànch Soldi Anche: noccioline americane. Bunemànn Mancia Nà a burdèll Andare in malora Miòll Midollo Fireafeùs Libellula Dà sòut la bàla Prendere in giro qualcuno Tirà in ment Ricordare, riportare alla mente Löa Pannocchia di granoturco Gipà Cucire a macchina Mustulentu Sporco, con la faccia sporca (Affettuoso ai bambini), N Baslòtt Grossa scodella per il granoturco Scarligà Scivolare gran bastonatore. Rit adrè Deridere, prendere in giro Gras de rost (Grasso d’arrosto) Persona untuosa, pesante, saccente Il castelluccese fa parte dei dialetti altomeridionali distribuiti lungo la fascia dei Monti Dauni entro le isoglosse evidenziate da Francesco Avolio. Remulàzz Una specie di rapa Ariànn Velature che rimangono su un vetro non bene pulito Prösa Spazio o striscia coltivata a verdura in un piccolo orto (Una pròeusa de insalata) = si diceva a chi entrava lasciando la porta aperta) Rutamàtt Colui che raccoglie rottami e ferrivecchi Zàfran Zafferano Diaulòtt Bonaccione, poveraccio Portereù Pattumiera Magheùtt Manovale, muratore Tripè Impedito, imbranato. Soch Sottana, sottane Patüsciòmm Pasticcione Fala finìda Smettila Balzàr Scapolo Öcc Occhio Tiberaa Bambino simpatico e divertito, mattacchione Anche: idee Diàul Diavolo Temp Tempo (In temp che me durmivi... = mentre io dormivo...) Sgalà la broca Rompere il ramo Mam Mamma Fà finta Fingere filastrocche • poesie • rime • scuola • scuole. Tràs dent Lanciarsi in un’impresa Bindèll Striscia di tessuto Giügatòm Giocherellone Da giò Atterrare, tramontare (Ul zù l’è giemò da giò = il sole è già tramontato) "o" chiusa, | Brasca Brace Baruàtt Disordinato, persona scapigliata Trà via Buttare (Mé trò via ul coo = non so farmi una ragione, ho le idee confuse) Erpes Erpice (L’è un erpes = è un peso, è poco attivo) Lappa Parlantina, lingua sciolta Tapascià Correre, sgambettare Sciabalént Persona che cammina con i piedi storti, claudicante In pagamènt In definitiva Sutùrnu Buio, fosco. Sfalzà Disporre in maniera incoerente o alternata (Sfalzà un dè = saltare un giorno) Teut Tutto Buzzà Litigare, C Giüét Giogo Ransciaa Spiegazzato, rugoso Sberlugià Curiosare, guardare cose che non riguardano Desbatezzàs Scandalizzarsi, meravigliarsi Brisàcch Briccone Baséll Gradino Verz Cavoli, verze (Pientà i verz = mettere radici in un posto) Fiadà Respirare Vegnì in ment Ricordarsi Rügà Rimestare, mescolare (Rügà seù ul risott = mescolare il risotto) Fà soùt Litigare Tazzà Bere copiosamente Fencisciòmm Sporcaccione Sbilzà Sprizzare Strencireù Piccolo recinto con ruote per insegnare a camminare ai bambini Smurusàss Essere fidanzati (El smurusa... = è fidanzato con...) Somm Alto (In somm = in alto) (D’inn somm in funt = dall’alto in basso) Volunteering. Burdéll Chiasso (Nà a burdell = andare in malora) Scià Qua, qui Sciampìn Zampa, zampino (Mett dent ul sciampìn = intromettersi) “La o normale si legge u.La u si legge ü, come l’ululato dei lupi.Per leggere o ci vuole la ò accentata. Lobia Poggiolo, terrazzo, ringhiera Ed è proprio nella cucina, il contesto più quotidiano e semplice, che il dialetto milanese dà il meglio di sè. Cepp Roccia morenica tipica delle colline della Brianza Cueìnn Codino Tundéin Piatto piano da tavola Scerné Scegliere Nel dialetto milanese, un esemplare sempre più difficile da incontrare, si ritrovano i sapori di una volta e si riscopre una cultura tutt’altro che avara e scialba. Lisca La paglia delle sedie Amìs Amico (Prèm amìs = l’amico più caro) Barinàtt Pastore, pecoraio Anche: grappa Büsécch Budelli, intestini Anche: frequentarsi a scopo fidanzamento (El ghe parla a... = E’ fidanzato con...) Viciòria Vitalità Anche: sempliciotto Abbiamo ordinato in una classifica le 10 parole del dialetto milanese che vengono più utilizzate nel linguaggio corrente, insieme ai loro significati che possono rivelare sorprese. Carr de reff Carro di refia (L’è indrè un car de reff = è un retrogrado) Anche: sperma Mal in gamba Debole, male in arnese Picaprea Marmista, scalpellino Adesadess Or ora Desbüsciunà Stappare una bottiglia Anche: difficoltà in generale Stecheìtt Stuzzicadenti Fregà Imbrogliare (Fregà soeù = pulire il pavimento) (Fregà giò = rabbonire, convincere) Sciuchétt Piccolo ciocco di legno Ociu Attento, occhio, attenzione! Fà maròmm Farsi prendere in castagna (forse letteralmente) Grigul Briciole Infescià Intoppato, ingombro (Te sè infescià = hai mangiato troppo)

Racconta Un Episodio Buffo Della Tua Vita, Massiccio Del San Gottardo, Trasferimento Pensione Ad Altra Sede Inps, My Sky Non Funziona, Esercitazioni Militari 2020, Stella Significato Tatuaggio,